Giovani

Tra i 15 ed i 24 anni iniziate a partecipare pienamene alla vita della società a cui appartenete. Siete il principale agente di cambiamento sociale e dello sviluppo economico e di innovazione tecnologica.

Avete quindi il diritto a vivere in condizioni ed ambienti che incoraggino la vostra immaginazione, i vostri ideali e la vostra energia.

Gli ambiti di intervento in tema di politiche giovanili non possono prescindere dagli indirizzi generali forniti da Nazioni Unite “Programme on Youth” (2007) e l’Unione Europea “Un quadro rinnovato di cooperazione europea in materia di gioventù per il periodo 2010-2018” (2009).[1]

La caratteristica delle politiche giovanili è quella di essere declinabile per qualsiasi contesto o territorio: sia sovranazionale (ONU; UE) che locale (città, comuni, quartieri). Per queste ragioni il comune di Vinovo, nei limiti delle proprie competenze, può contribuire all’abbattimento delle barriere che lasciano di fatto i giovani esclusi dal mondo adulto, mondo fatto di maggiori responsabilità ma anche di crescita e di partecipazione.

A tal fine è necessario promuovere l’accesso a servizi di qualità in tutti gli ambiti: istruzione, formazione, sport, cultura e tempo libero. Prevedere attività di inclusione e di tutela attraverso la definizione di adeguati servizi sociali. Importante infine il supporto logistico: collegamenti adeguati con città e comuni limitrofi, creazione di poli di aggregazione, sostegni finanziari a progetti e soggetti meritori

Nel dettaglio:

  • agevolare gli strumenti di formazione/apprendimento anche attraverso il potenziamento degli strumenti oggi disponibili (biblioteca, informagiovani) e lo sviluppo di nuovi (l’apertura di una ludoteca)
  • sviluppare processi partecipativi nel sistema educativo che favoriscano la cooperazione tra scuole, famiglie, comunità locali e relazioni interculturali
  • favorire collegamenti tra gli istituti scolastici e le realtà sociali e culturali operanti sul territorio.
  • Incentivare il volontariato, come strumento di crescita e di maturazione e riconoscendolo come indice di valutazione nei bandi pubblici.
  • Incoraggiare una coscienza civica nei giovani finalizzata all’adozione di stili di vita equilibrati, di consumi consapevoli e di produzioni più ecologiche (riciclaggio, risparmio energetico, veicoli ibridi, consumo di acque comunali).
  • Introdurre servizi d’orientamento e consulenza professionale per aiutare i giovani a sviluppare le proprie aspirazioni.
  • Incentivare l’avvicinamento dei giovani al mondo artigianale tramite tirocini, progetti di bottega-scuola e periodi di apprendistato al fine di conservare l’artigianato locale
    • Riconoscere incentivi economici agli studenti più meritori per agevolare il loro percorso di studi anche in ambito internazionale
    • verificare l’effettivo “avviamento” ed impegno a proseguire il porgetto dell consiglio comunale dei ragazzi
    • Incoraggiare uno stile di vita sano mediante un’adeguata educazione all’attività fisica, un’educazione alimentare, un’educazione sessuale, nonché attività di prevenzione di dipendenze e abuso di sostanze nocive quali alcool, tabacco e droghe.
    • promozione della partecipazione dei giovani all’organizzazione di eventi
    • Prevenire l’esclusione sociale e la povertà dei giovani rafforzando la reciproca solidarietà tra la società e i giovani.

Particolare attenzione alle esigenze e problematiche dei giovani sono inoltre previste per aspetti quali il lavoro e la salute, come specificato nelle apposite sezioni di questo programma (vedere Lavoro e Salute)

[1] Vedere allegati in Giovani

Leave a Reply

Name
Name*
Email
Email *
Website
Website