Scuola

La scuola è uno dei beni primari e più importanti per una comunità. Così come l’istruzione è uno degli elementi fondamentali per la crescita e lo sviluppo della persona umana e, di conseguenza, la base per l’evoluzione e il miglioramento dell’intera società.

Quelli che oggi studiano e apprendono le basi della conoscenza saranno gli stessi che domani diventeranno parte attiva nella nostra società.  Ecco perché la “Scuola”, intesa nel più ampio senso del termine, è così importante!

La scuola è intesa anche, e soprattutto, come ambiente educativo che  è l’elemento dentro e attraverso il quale il bambino si muove e che gli permette di andare incontro al bisogno di scoperta e di esplorazione autonoma.

In sostanza attraverso un ambiente studiato per il bambino, quest’ultimo ha la possibilità di  sviluppare una propria coscienza e un proprio senso critico.

In base a queste premesse noi come MoVimento 5 Stelle Vinovo riteniamo pertanto che la scuola sia un tassello fondamentale per la nostra comunità. E che sia importante salvaguardarla anche a livello comunale, in controtendenza rispetto al percorso preso in questi anni dai vari governi di turno.

La linea politica che si è descritta negli ultimi 20 anni, accompagnata dai sempre più numerosi tagli di Governi che fanno gli interessi delle famiglie abbienti prediligendo un’educazione a livello privato a discapito di quello pubblico che dovrebbe essere alla base del sistema di istruzione.

L’educazione e la formazione sono di tutti e non di pochi, quindi ci si deve impegnare come Amministrazioni Comunali, a collaborare con gli Istituti comprensivi sul territorio, per garantire questo bene fondamentale.

 

Come Movimento 5 Stelle Vinovo proponiamo, in linea generale, di rimodular ele poste del bilancio comunale dedicando una maggior percentuale delle risorse finanziarie alla scuola, anche a costo di parziali sacrifici di quelle dedicate a miglioramenti estetici nelle parti di città già funzionalmente dotate.

In aprticolare intendermmo impiegare tali risorse sui seguenti fronti:

  • verificare la situazione attuale e creare gradualmente le condizioni affinchè le risorse pubbliche siano erogate sempre più alle strutture pubbliche iniziando un percorso che possa sfociare nella cessazione di trasferimenti dal Comune a strutture private;
  • sostegno alla disabilità e nuove problematiche di apprendimento (dislessia e discalculia);
  • corsi di educazione alimentare, educazione motoria e stile di vita sano, educazione ambientale, educazione stradale, educazione civica;
  • connettività internet disponibile ed accessibile in ogni struttura scolastica e in tutte le classi;
  • avvio di laboratori di educazione alla pace alla solidarietà ed alla diversità e di orientamento verso modalità di comportamento e di relazioni non violente; e al rispetto di ogni forma di vita; educazione alla tolleranza reciproca e lotta ai fenomeni di bullismo;
  • messa in sicurezza e manutenzione sistematica ed organizzata delle strutture scolastiche;
  • istituzione sportello comunale che permette ai cittadni di segnalare in tempo reale le problematiche scolastiche.
  • sostegno economico alle famiglie per i servizi a pagamento degli studenti: Libri, pre-scuola, post- scuola, scuolabus, spesa asilo nido e scuola materna;
  • impegno al contenimento dei costi delle tariffe della Scuola Materna Statale e Paritaria;
  • promozione di laboratori di lingue straniere ed informatica e corsi di lingua italiana per stranieri;
  • Investimento per più posti negli asili e sostegno dei micro-nidi familiari e aziendali, con l’obiettivo di garantire un posto in asilo a tutti;
  • sfruttamento più esteso degli edifici scolastici favorendo la fruibilità delle strutture per realizzare corsi tenuti da associazioni di volontariato, quali alfabetizzazione informatica, italiano per stranieri, gruppi di studio, corsi di ballo o ginnastica, realizzando dunque punti di aggregazione per i giovani;
  • Migliorare l’accesso alle strutture e a progetti culturali del comune anche per le scuole presenti nelle frazioni;
  • riproporre corsi di educazione ai nuovi media nelle scuole sia per bambini che per adulti per aiutarci a creare un rapporto sano con i nuovi media e educare le nuove generazioni.
  • Favorire ove possibiel il passaggio da libri cartacei a e-book riducendo il consumo di risorse, i costi per le famiglie e il “peso” che gli studenti sono costretti a trasportare
  • Ridefinire le aliquote del nido comunale in modo tale da renderle direttamente proporzionali al reddito/isee o comunque con un numero maggiore di alioute per favorire le famiglie più in difficoltà.
  • Verifica e ridefinizione dei buoni pasti scolastici e delle realtive esenzioni/riduzioni per favorire le famiglie più in difficoltà

Monitorare attentamente e, ove possibile, intervervenire per migliorare il filtraggio e limitare i fumi (es attraverso l’agiunta di filtri a manica) della caldaia biomassa presente nelle vicinanze delle scuole.

One Response for this post

Leave a Reply

Name
Name*
Email
Email *
Website
Website