Mozione Deliberazioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze

Vinovo x/01/2015

MOZIONE

I sottoscritti Consiglieri Comunali Giordanengo Sergio e Bovi Fabio, presentano la seguente MOZIONE.

OGGETTO: Deliberazioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze 

PREMESSO CHE

Il Comune di Vinovo in data 25 Novembre 2013, attraverso la Delibera n° 66/CC ha istituito il Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze (CCR) al fine di “favorire un’adeguata partecipazione alla vita sociale e civile dei giovani, che svolgono un ruolo propositivo, non vincolante, nei confronti dell’Amministrazione Comunale”, e nella stessa veniva approvato il Regolamento del Consiglio Comunale dei Ragazzi del Comune di Vinovo.

VISTO CHE

–        Il CCR è stato istituito e si è già riunito anche nell’anno scolastico in corso.

–        Secondo l’attuale Regolamento, e come specificato nella delibera, il ruolo del CCR non è vincolante in quanto le deliberazioni votate dal CCR non prevedono nessun obbligo di presa in considerazione da parte del Consiglio Comunale ed esiste pertanto il rischio concreto che le decisioni assunte dal CCR rimangano un valido strumento educativo ma privo diconseguenze pratiche

CONSIDERATO  CHE

–        è obiettivo di questa proposta stimolare e coinvolgere maggiormente i ragazzi e le ragazze nella gestione del nostro Comune

–        il contributo dei nostri ragazzi dev’essere tenuto in grande considerazione poichè spesso sanno suggerci quelle soluzioni che noi adulti non siamo più in grado di vedere

–        che lo Statuto Comunale di Vinovo (Art. 16 – lettera g ) prevede e regolamenta le “Proposte” popolari e in particolare stabilisce che: “Sono proposte gli atti propulsivi con i quali non solo si dà inizio ad un procedimento amministrativo, ma si esprime un avviso in ordine al contenuto che dovrebbe avere il provvedimento da emanarsi da parte dell’organo di amministrazione attiva al fine di raggiungere interessi collettivi.

L’organo competente può sentire i proponenti  e deve adottare le sue determinazioni in via formale entro 30 giorni dal ricevimento della proposta.”

TUTTO CIO’ PREMESSO

IMPEGNA IL SINDACO  E LA SUA GIUNTA 

–        a procedere alla modifica del Regolamento del CCR al fine di  “equiparare” le deliberazioni del Consiglio Comunale dei Ragazzi alle “proposte popolari”; in modo tale che le delibere discusse, votate ed approvate nel CCR siano “obbligatoriamente” portate all’attenzione del Consiglio Comunale (o Commissioni Consiliari) degli adulti dando più importanza al CCR e maggiori stimoli ai ragazzi che vi partecipano.

Sergio Giordanengo

Fabio Bovi

Consiglieri del Movimento 5 Stelle

Leave a Reply

Name
Name*
Email
Email *
Website
Website